Casa»Chi, E serie TV»Resident Evil avrà la sua serie di "live action" su Netflix

Resident Evil avrà la sua serie di "live action" su Netflix

4
azioni
Pinterest WhatsApp

Luego de un largo tiempo de espera y arduas negociaciones, Netflix pudo confirmar por medio de sus redes sociales la realización de la serie ‘live action’ (actores de carne y hueso) dal popolare videogioco Capcom "Resident Evil".

Un solo post della società di servizi audiovisivi in ​​streaming è stato sufficiente a suscitare scalpore nelle reti. in essa, c'era una fotografia della prima pagina della sceneggiatura appartenente al capitolo che aprirà la serie, "Benvenuti nella nuova Raccoon City" (Benvenuto nella nuova Racoon City).

Nessuna data di partenza confermata, sappiamo che la serie sarà composta da 8 capitoli e, secondo il nome dell'episodio, si conferma che la storia si svolge nella città in cui si trova la società Umbrella, responsabile del disastro biologico che ha causato la nascita di orde di zombie.


D'altronde, questa storia originale, sarà distante dal franchise cinematografico interpretato da Milla Jovovich. Ora ci saranno due tempistiche chiaramente contrassegnate, a prima e dopo il virus T..

Chi c'è dietro questo progetto (che è a un livello avanzato di produzione) è Andrew Dabb, mentre i produttori esecutivi saranno Robert Kulzer, Oliver Berben e Marry Leah. mentre, i primi episodi saranno diretti da Bronwen Hughes.

Sviluppo della trama

Il cognome Wesker è più che familiare ai fan dei videogiochi. tuttavia, È stato confermato che la storia non rispetterà rigorosamente gli eventi accaduti sulle console. In questo contesto,, La prima parte della serie vedrà i fratelli Wesker adolescenti e in arrivo nella loro nuova casa a Raccoon City..

Lì apprenderanno oscuri segreti custoditi dal padre, capace di distruggere il mondo se rivelato.

Mentre la seconda parte della storia avrà già l'avanzata del T Virus, instalado en un mundo en ruinas y con los sobrevivientes combatiendo a los infectados.

Messaggio precedente

Oscar Martínez è stato premiato al Festival di Malaga

Post successivo

Los Locos de la Azotea e cento anni di radio argentina